Condividi su:

Con l’incertezza sul ritorno a scuola,il tele lavoro,lo Smart Working è di nuovo tempo di pensare agli strumenti necessari.Oggi voglio mostrarti il motivo per cui preferire una stampante laser a una a getto d’inchiostro.Mettiti comodo e continua la lettura di questo articolo.

Perché preferire una stampante laser a una a getto d’inchiostro

Tra moduli di autocertificazione, compiti dei bambini, documenti di lavoro questo anno abbiamo stampato moltissimo e soprattutto in bianco e nero.

Perché dovrei acquistare una stampante laser se ne ho già una a getto di inchiostro?

Con una stampante a getto di inchiostro è possibile stampare circa 200 pagine con una spesa media di circa 20 euro per l’acquisto di una cartuccia di nero.

Una stampante laser permette la stampa di circa 3000 pagine con una spesa di circa 20 euro,questo significa risparmiare molto nel corso dell’anno

Il mio consiglio

Se non hai particolari necessità di stampa a colori (esistono anche a colori ma costano ancora molto) e in media stampi circa 50 o più fogli al mese ti conviene acquistare una stampante laser da affiancare a quella a getto di inchiostro che userai per stampare in bianco e nero preservando la cartuccia e riducendo notevolmente il costo delle stampe.

Il costo della nuova stampante verrà ammortizzato da quello delle cartucce.

Quale stampante laser scegliere

Se già possiedi una multifunzione a getto di inchiostro sarà sufficiente acquistarne una base,come la HP Laserjet 107a,facile da installare,rapida e soprattutto economica.

Nella confezione viene venduta con un toner carico al 50% che permette comunque la stampa di circa 1500 pagine.

Se non hai nessuna stampante e hai deciso di acquistarne una ma che sia multifunzione,cioè stampante,fotocopiatrice e scanner ti consiglio di acquistare una Brother dcpl2530dw,che permette di stampare fronte e retro oltre alle classiche funzioni.

Se hai trovato utile questo articolo condividilo con i tuoi amici per far capire anche a loro il risparmio che può offrire una stampante laser.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *